CABOSSA

uovodesign

C 16°/52°

Un progetto di ricerca che inserisce il cioccolato tra le materie utilizzabili nella creazione di oggetti. Esplorare le possibilità espressive e strutturali di una materia prima fin ora utilizzata solo in ambito edibile, porta il processo progettuale del design in zone nuove e inedite. Nel cibo la materia manipolata e i relativi processi tengono conto di variabili che nel design non sono considerate o che non possono essere considerate, per esempio la possibilità di passare da stato solido a liquido. In un oggetto di design la materia è definita, solida, nel cibo invece lo stato può alternarsi tra solido e liquido. Dunque un oggetto di cioccolato una volta esaurita la sua funzione può essere sciolto, tante volte quante le necessità o in quante varianti formali o estetiche lo si desidera. Questo processo di fusione e ricostruzione avviene a temperature molto vicine a quelle ambientali in cui viviamo, non servono strumenti particolari per passare da uno stato all’altro: si scioglie a 52° e solidifica a 16°. L’energia debole necessaria per questo processo rende semplice l’utilizzo del cioccolato, oggetti quotidiani, superfici, colori e texture sempre nuove e diverse.

A research project that puts the chocolate between the materials that may be used in the creation of objects.
Exploring the expressive and structural properties of the raw material up to now only used within the edible bears the preliminary process of design in new areas and unpublished. As regards the food matter manipulation and related processes consider variations that are not important in the design or which can not be considered, for example the ability to switch from solid to liquid. While in a design object the material is sturdy and defined however the food may alternate solid and liquid condition. Therefore a chocolate object once exhausted its function may be dissolved as many times as needed or in other formal or aesthetic variants. This process of fusion and reconstruction takes place at temperatures very close to those of the environment in which we live, you do not need special tools to change from one phase to another: melts at 52° and solidifies at 16°. The weak energy required for this process simplifies the use of chocolate suitable for daily objects, surfaces, colors and textures always new and different.

logoBN

Un percorso di ricerca per progetti che hanno le caratteristiche estetiche della commestibilità, in bilico tra il solido ed il commestibile, un lavoro sensibile a quei due sensi che sono per l’uomo l’ultimo “ricordo” del suo essere ancestrale: il gusto e l’olfatto. I luoghi in cui viviamo oggi, sono limitati rispetto alle loro effettive possibilità espressive, uno scenario insipido e inodore, dove saremo costretti a vivere se non ci saranno progetti e progettisti sensibili a qualità gustative e olfattive.”

Projects in balance between solid and edible paying attention to the two senses which are the last man “memory” of his ancestral being: taste and smell. The places we live are limited compared to their means of expression. We are forced to live in tasteless and odorless scenario if there will not be projects and designers sensitive to the quality of taste and smell.

uovodesign@me.com | www.uovodesign.com